Press "Enter" to skip to content

Category: Educazione Finanziaria

“Ma la tua banca è davvero solida?” Scopri com’è andata

Mercoledì 5 luglio 2017 si è tenuto a Padova un incontro sul problema della solidità delle banche per capire come si può valutarne la “qualità”. L’incontro, coordinato dal prof. Paolo Biffis (università Ca’ Foscari), ha suscitato molto interesse nei partecipanti che hanno contribuito in modo…

Focus | Intervista al Prof. Paolo Biffis sulla solidità delle banche italiane

  Al fine di fornire un assaggio dell’incontro che si terrà Mercoledì 5 luglio 2017 dalle 18:00 alle 20:00 presso Centro Direzionale BICENTER Executive (8° piano), Via Nona Strada 23, 35129 Padova abbiamo intervistato il Prof. Paolo Biffis, ponendo qualche domanda critica per chi è alle prese con…

E tu sai (davvero) come funziona un’obbligazione?

Avrai certamente sentito parlare delle obbligazioni, probabilmente ne avrai anche già acquistate su consiglio (o spinta?) della tua banca o del tuo promotore/consulente finanziario. L’obbligazione è senza dubbio uno strumento finanziario relativamente semplice, ma non è scontato aver compreso il suo funzionamento, per scegliere consapevolmente…

Investire… a tutti i costi?

Investire è un’azione personale e spesso complessa in quanto parte da un’analisi dei fabbisogni finanziari, orizzonte temporale e propensione al rischio per poi cercare di individuare un’asset allocation (un portafoglio di attività) coerente. Successivamente si può procedere ad investire in strumenti finanziari (trattati di seguito) o reali (es. immobili, oro, diamanti) e al conseguente monitoraggio.

In questo articolo si analizza la parte finale del processo descritto i.e. l’implementazione attraverso uno strumento finanziario, un po’ perché questo è quello che fa la maggior parte degli investitori e un po’ per fornire spunti pratici sui quali si può poi sviluppare un ragionamento.

Oltre l’anatocismo: appunti per l’utente

Oltre l’anatocismo: appunti per l’utente

A seguito dell’articolo recentemente pubblicato sull’anatocismo (reperibile qui) è sorta l’esigenza di creare maggiore consapevolezza sulla differenza fra tasso nominale dell’interesse (concordato) e costo effettivo del credito (bancario o commerciale). Come osservato, il costo aumenta se la capitalizzazione degli interessi maturati avviene con frequenza infra-annuale, il che non è più ammesso in contropartita con le banche.